Fai una donazione Invia a un amico
LA SEGRETA POESIA DEL TRAFFICO MILANESE
Foto di redazione urbanfile
il fotoracconto continua su urbanfile, clicca sull'immagine!
Editoriale

LA M4, I TAXISTI E NOI

Luca Beltrami Gadola

Nei giorni scorsi il signor Stefano Guiso-Gallisay ci ha scritto: "Egregi Signori ma non vi viene il dubbio che tutti questi articoli a cui date spazio contro la M4 non siano commissionati dalla potente lobby dei tassisti e/o scritti da parenti, amici o consulenti di tassisti? Non riesco a spiegarmi come mai tali articoli non siano mai supportati da cifre e si basino invece su astratte argomentazioni non solo del tutto opinabili, ma anche contraddittorie.". Normalmente alla lettera di un lettore avrei risposto nella rubrica La posta dei lettori ma questa … Continua »

primo piano

SE AL POSTO DI PARIGI CI FOSSE STATA MILANO?

Emanuele Telesca

La strage perpetrata alla redazione di Charlie Hebdo, a Parigi, ha smosso in ognuno di noi una moltitudine di pensieri, riflessioni, preoccupazioni. Superata l'onda emotiva, a una domanda può essere interessante rispondere: è se fosse capitato a Milano? Se gli attentatori fossero stati dei cittadini italiani di seconda generazione che, incappucciati e ben armati, avessero fatto fuoco in una redazione di giornale? Quale reazione avrebbe messo in campo la città e il paese? Non è un esercizio di fantasia fine a se stesso, riconoscendo le somiglianze tra la capitale francese e … Continua »

per quale PD

ISCRITTI E ELETTORI NELLA CARTA DEI CIRCOLI DEL PD

Stefano Draghi

Nell'ultima riunione del 2014 la Direzione del PD Metropolitano Milanese ha approvato la Carta dei Circoli, un documento che vuole essere un primo contributo alla riorganizzazione del PD milanese, sintesi finale di un percorso iniziato all'ultima Festa dell'Unità e ben impostato dal punto di vista del metodo (1). È una buona occasione per esaminare e approfondire alcuni dei nodi che il PD ha di fronte. Mi limito qui, per motivi di spazio, a qualche considerazione sul rapporto tra iscritti e elettori. Come avverte l'epigrafe, la Segreteria si proponeva di arrivare alla … Continua »

città

VIA PADOVA BASTA CON LE FALSE ETICHETTE! LA LUNGA STRADA DELL’INTEGRAZIONE

Eleonora Poli

Ora sarebbe addirittura "come la banlieue dei terroristi": ecco, nell'immaginario di via Padova mancava questo furbo paragone, e ci ha pensato Mario Borghezio - una domenica mattina in visita al quartiere - a trovare le parole adatte per gettare un po' di benzina sul fuoco. In certi casi le parole durano giusto il tempo di essere pronunciate, eppure lo stesso arrivano alle orecchie della gente, a chi ha gli strumenti per comprendere e chi no, chi ride e purtroppo chi applaude, chi conosce e chi no luoghi e situazioni. Buttate … Continua »

società

MOVIDA. PER UNA VOLTA PARLIAMONE SERIAMENTE!

Giacomo Marossi

La lettera aperta pubblicata da ArcipelagoMilano la scorsa settimana sembra scritta dieci anni fa. Fatta salva la comparsa dei bastoni da selfie e il ritorno di moda del cocktail Moscow Mule, sembra non essere cambiato nulla nella percezione del cosiddetto "problema movida" rispetto all'era Moratti. Il dato più grave è la convinzione che la movida siano giovani studenti sfaccendati che si ubriacano mentre la società che lavora li mantiene. La vita notturna è oramai trasversale a tutti gli under40 ed è divisa in caste, gruppi, veri e propri movimenti, con … Continua »

città metropolitana

STATUTO APPROVATO. ORA SPAZIO AI CONSIGLIERI, PER COMINCIARE

Salvatore Crapanzano

Ora è il momento di sottolineare solo gli aspetti positivi del nuovo statuto della Città metropolitana di Milano. Con questo statuto, che permette al Consiglio metropolitano di produrre decisioni in tempi molto rapidi, la questione centrale riguarda il metodo che si sceglierà di utilizzare per arrivare a produrre le decisioni. In termini operativi, nulla dice lo statuto in tal senso. Quindi i primi passi sono particolarmente importanti per sperimentare un metodo innovativo, promettente ed efficace. Naturalmente è possibile, e ovviamente opportuno, dare alcune deleghe ad alcuni Consiglieri per facilitare il lavoro … Continua »

l'intervento

ARCHITETTURA A MILANO E COMMISSIONE PER IL PAESAGGIO

Gianni Zenoni

È del tutto comprensibile che lo scopo della Commissione per il paesaggio sia quello di favorire la realizzazione di interventi edilizi correttamente inseriti come tipologia e morfologia nel contesto milanese, quindi riteniamo corretto che una Commissione di professionisti, con assoluta indipendenza di giudizio, possa valutare i progetti . Ma nello stesso tempo anche in considerazione dell'attuale difficoltà economica e dei costi connessi allo sviluppo di un'operazione immobiliare, è necessario tenere presente che per la programmazione economica di un nuovo intervento edificatorio il tempo deve essere considerato quale un fattore imprescindibile e … Continua »

finanza immobiliare

ROTTAMARE PER RIQUALIFICARE: UN FONDO PER LA ROTTAMAZIONE IMMOBILIARE

Giuseppe Bonomi

Proviamo a immaginare un vecchio capannoncino con tettoie e superfetazioni, tra un viale urbano e un'area a verde realizzata come standard da un nuovo complesso. Il suo valore immobiliare è appeso alla possibilità (o scommessa) di una sua trasformazione urbanistica: ma per farne cosa? Un nuovo cubetto fuori scala e di difficile mercato? Si tratta di un limbo immobiliare in cui qualsiasi proprietario può solo difendere strenuamente (e comprensibilmente) i suoi interessi. Se ci fosse un soggetto in grado di agire per conto della collettività per acquisire tale "capannoncino" a un … Continua »

Panottico milanese

LO SPAZIO PUBBLICO E GLI EFFETTI PERVERSI DEI REGOLAMENTI

Giulia Mattace Raso

Niente è più profondo e pervicace di un regolamento attuativo: così come gutta cavat lapidem, articoli e commi formano (deformano?) lo spazio pubblico. Norme, apparentemente indolori, che replicate infinite volte su ampia scala danno il tono alla qualità del paesaggio urbano. Regolamenti che si sovrappongono, competenze che si intrecciano, adempimenti che generano OGM urbani. Il più noto è forse il dehors. L’occupazione del suolo pubblico, ha un suo regolamento che ne determina un canone (la fantomatica Cosap) e un suo disciplinare - “Disciplina del diritto ad occupare il suolo, lo spazio … Continua »

pensieri territoriali

CASE CRISI E ARCHITETTI

Giovanna Franco Repellini

Vivendo a Milano si ha una visione abbastanza parziale del problema della casa, la nostra città infatti nel complesso si mantiene attrattiva e movimentata per cui nonostante la nota crisi del mercato immobiliare non molto tempo fa un noto immobiliarista ha dichiarato: "fortunato chi ha proprietà di case a Milano". A Milano resta oggi fermo il movimento delle nuove costruzioni e tuttora mancano le case in affitto a buon mercato per i giovani e i meno abbienti; non così appena si esce dalla città sopratutto nella direzione sud sia a est … Continua »

musica
arte
libri
sipario1
cinema