Fai una donazione Invia a un amico
Panorama dalla torre Isozaki
Foto di urbanfile
il fotoracconto continua su urbanfile, clicca sull'immagine!
Editoriale

MM4 È PIÙ FACILE DIRE SÌ CHE NO. SBAGLIANDO

Luca Beltrami Gadola

In politica spesso è più facile dire sì che no, perché per dire no ci vuole più coraggio. Due anni fa si doveva dire no a Expo nei tempi e nei modi nei quali la giunta Moratti l'aveva lasciata in eredità alla nuova giunta. Si è persa anche l'occasione di chiedere una proroga di un anno, e lo si poteva fare visto il precedente della Francia e tutto il mondo lo avrebbe capito: lo scenario mondiale del 2008, data di assegnazione all'Italia rispetto a quello del 2011, Giuliano Pisapia eletto … Continua »

sotto il riflettore

LA LEGA NON C’È PIÙ: QUELLA D’UNA VOLTA

Walter Marossi

Il risultato più significativo della manifestazione ben organizzata e ben partecipata di sabato scorso a Milano è uno solo: lo scioglimento della Lega. Nata per rivendicare la separazione del nord dal sud, della Lombardia dall'Italia, del Veneto dai terroni, felice di ricordare il passato austrungarico e le origini celtiche non cattoliche delle popolazioni padane il popolo ex bossiano sabato marciava al grido: salviamo l'Italia, chi non difende i confini è un traditore, chi non salta musulmano è. Una vera e propria mutazione genetica. Esemplare la cospicua partecipazione di Casa Pound che … Continua »

dal palazzo

CASE POPOLARI: RIANNODARE UN GLORIOSO PASSATO

Franco D Alfonso

Il Comune si riprende le sue case. L'interruzione del rapporto con Aler e la decisione di gestire direttamente il proprio patrimonio immobiliare da parte della Giunta comunale di Milano non è stata una decisione tecnica. Si è dato finalmente seguito a una delle promesse elettorali del "progetto Pisapia" del 2011, quella di recuperare un ruolo di regia pubblica nella politica della casa. Questo ruolo a Milano vanta origini antiche e risultati straordinari, a partire dalla vera e propria "invenzione" delle case per il popolo che si deve alla società Umanitaria che, … Continua »

città metropolitana / 1

LA MISSIONE DELLA CITTÀ METROPOLITANA

Ugo Targetti

Il 28 settembre scorso sono stati eletti gli organi di governo della Città Metropolitana (CM) di Milano. Il dibattito sulla missione della nuova istituzione sta coinvolgendo solo addetti e "vecchi fans"; assai meno la società e la politica milanesi che hanno sempre avuto difficoltà a coglierne la rilevanza. Effetto anche dell'elezione di secondo grado che escludendo i cittadini dal voto, coinvolge solo amministratori comunali e partiti. Ora i nuovi amministratori metropolitani devono redigere e approvare lo Statuto che dovrebbe fissare natura e missione della CM, nonché poteri e principi organizzativi. Sulla … Continua »

botta & risposta

L’AMMINISTRAZIONE MILANESE, I CONCORSI DI PROGETTAZIONE E L’IDEA DEL BELLO

Valeria Bottelli

Su ArcipelagoMilano della scorsa settimana Nicola Rovere invocava una bellezza con canoni condivisi per le persone e le cose, ascrivendo addirittura al mondo immobiliare milanese la custodia del codice indiscutibile dell'urbana armonia e grazia. L'argomento in discussione è la presunta bellezza o bruttezza, o comunque inadeguatezza, rispetto a canoni condivisi di estetica urbana del quartiere Garibaldi - Repubblica, di tre progetti di concorso per spazi ed edifici pubblici banditi dal Comune di Milano e recentemente assegnati. Esula dalle nostre intenzioni discutere a qualsiasi titolo di tali presunti canoni condivisi, lasciando a … Continua »

città metropolitana / 2

CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA: UN’ESPERIENZA DI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Giuseppe Natale

Si ritiene importante e utile continuare a informare e discutere sulla "distanza" tra cittadini e istituzioni, in particolare tra cittadinanza attiva ed enti di governo urbano e sovra-comunale e sui tentativi per colmarla. Il processo controverso di revisione e riorganizzazione degli enti locali vede al suo centro la costituzione della Città Metropolitana. Oggi pochi addetti ai lavori, non eletti dal popolo, stanno scrivendo lo statuto del nuovo ente, tenendo lontano i cittadini. In un clima torbido e inquinato, in cui si minano i pilastri della democrazia rappresentativa e si accelera … Continua »

architettura

DUE CONCORSI DI ARCHITETTURA SENZA UN’IDEA DI CITTÀ

Alberto Caruso

Finalmente qualche concorso di architettura, aperto e con un bando semplice ed efficace, frutto della collaborazione tra Ordine e Comune. Era dai tempi lontanissimi dell'assessore Gianni Verga che non si assisteva a una stagione di concorsi, e dopo l'enorme occasione persa di Expo. Speriamo che sia un inizio. Ma l'esito non è altrettanto entusiasmante, e rivela, come ha già sottolineato Nicola Rovere nella conclusione del suo intervento su ArcipelagoMilano del 14 ottobre, i limiti dell'orizzonte critico dell'Amministrazione milanese, la mancanza di un'idea di città. Prima di tutto c'è la questione del processo … Continua »

primo piano

CITTÀ METROPOLITANA: UNA PIATTAFORMA PER LA DISCUSSIONE

Mario Sartori

La città metropolitana ha mosso i primi concreti passi con l'insediamento del Consiglio metropolitano che ha il compito di redigere e proporre alla Conferenza dei Sindaci, lo Statuto della Città metropolitana entro il prossimo 31 dicembre. Tra i temi emergenti che, nella legge Delrio, identificano il ruolo del nuovo soggetto territoriale si colloca il tema della partecipazione e di come il governo della CM debba distinguersi dall'approccio debole (in molti casi nullo) che finora ha contraddistinto l'azione politico-amministrativa degli Enti locali sotto questo profilo. Parliamo di un metodo e di un approccio … Continua »

l'intervento

PER UN PROGETTO DI RIGENERAZIONE URBANA DELLA “GOCCIA” DI BOVISA

Federico Oliva

La riqualificazione dell'ambito di Bovisa denominato "la goccia" rappresenta una delle più complesse e tormentate vicende milanesi, sin dal 1994 quando nel sito cessarono le ultime attività produttive. Da più di venti anni, gran parte dell'ambito costituisce un vuoto urbano sottratto alla fruizione dei cittadini e rappresenta una vicenda irrisolta per la città. Le prospettive di trasformazione dell'area, uno dei luoghi più accessibili dal trasporto su ferro e potenzialmente più strategici della città metropolitana, hanno visto susseguirsi complicati e irrealistici scenari d'intervento, causati dalla difficoltà di conciliare i diversi obiettivi e … Continua »

società

HUMAN SATISFACTION: STRATEGIE DI MARKETING

Paolo Ricotti

Se è vero che al centro di ogni pensiero filosofico, scientifico, sociale ed economico c'è l'uomo con la sua individualità, le sue esperienze, le sue competenze, la sua cultura e le sue emozioni, al centro dell'Economia Sostenibile c'è il territorio con le sue comunità, le sue imprese, le sue amministrazioni, le sue forze, le sue tradizioni, le sue caratteristiche geo-pedoclimatiche, i suoi paesaggi. Se poi occorre immaginarsi un modello economico in grado di far fronte alla crisi dei sistemi di mercato derivante dalla degenerazione di una finanza speculativa che, con la … Continua »

agenda al futuro

LA SOSTENIBILE LEGGEREZZA DELLA MOBILITÀ

Stefano D Onofrio

Apro questo articolo con un'immagine , un incrocio cittadino. Forse a prima vista la situazione può apparire del tutto normale, stupendoci magari del poco traffico, abituati come siamo alla tipicità milanese. Ci sono in realtà tante piccole caratteristiche che mostrano importanti differenze tra questo incrocio, berlinese, e uno italiano. La prima caratteristica importante riguarda la dimensione della strada. A Milano chiunque vedesse una strada del genere penserebbe a una strada a senso unico, invece a Berlino strade di queste dimensioni sono a doppio senso: il risultato della scelta attuata a Berlino … Continua »

scuola

A SCUOLA L’ACUSTICA NON È UN OPTIONAL

Rita Bramante

Dal lontano 1967 la normativa in materia di acustica in edilizia ha riservato un'attenzione specifica anche agli edifici scolastici e le raccomandazioni sono andate via via arricchendosi e adeguandosi ai parametri europei. Purtroppo, però, nella maggior parte delle nostre scuole le aule e gli spazi comuni non hanno ancora oggi requisiti acustici neppure sufficienti e gli interventi di bonifica acustica sono ancora tutti da realizzare, fatta eccezione per qualche oasi felice come il Trentino Alto Adige e per un numero limitato di scuole interessate da recenti interventi di ristrutturazione o … Continua »

musica
arte
libri
sipario1
cinema