Fai una donazione Invia a un amico
NUOVI SPAZI URBANI PRENDONO VITA
Foto di Urbanfile
Clicca sull'immagine per continuare il foto racconto
Editoriale

ARCHISTAR MALEDETTE ARCHISTAR

La città e la nuova committenza

Luca Beltrami Gadola

Vittorio Gregotti due settimane fa prendendo spunto dal convegno del febbraio scorso alla Triennale «Archistar sì archistar no» ha titolato il suo articolo “Architettura, giustizia più libertà”. Personalmente sono d’accordo con Gregotti e vorrei accodarmi a lui con qualche considerazione non certo da critico dell’architettura, non è il mio mestiere, ma utili forse perché nel dibattito in corso sul destino delle aree postexpo aleggia il fantasma delle archistar e forse aleggerà anche a proposito delle aree degli ex scali ferroviari e di qualche piazza milanese. Chi ci sia nel Who's Who … Continua »

L'intervento

I MIEI DATI A WHATSAPP O AL SINDACO BEPPE SALA?

Il dato è patrimonio pubblico, per un contrasto alla datocrazia si parte dal consenso alla raccolta

Giovanni Vannini

C’era un tempo in cui gli Stati volevano raccogliere informazioni sui propri cittadini per servirli (lo si consideri scritto a penna), osservarli e controllarli (sia scritto a matita, e comunque è una semplificazione funzionale). La formula tecnicamente più efficace per riuscire nel controllo era instaurare un regime, e quello dittatoriale si prestava meglio di quello democratico. In un qualche modo, tutti i regimi che raccoglievano dati sui propri cittadini avevano qualcosa in comune: il cittadino non era contento. In particolare nei regimi democratici era vissuto come una violazione della libertà … Continua »

finanza immobiliare

SCALI FERROVIARI: IL RUOLO DI MILANO NELL’ECONOMIA DEL PAESE

Generare crescita o creare una bolla immobiliare?

Mario De Gaspari

Mentre in città si dibatte sulla riqualificazione degli scali ferroviari è del tutto evaporato il dibattito sul ruolo di Milano nell’economia del Paese. Proprio le grandi questioni territoriali ancora aperte potrebbero essere l’occasione per riaprire una riflessione tutt’altro che accademica, evitando l’effetto trascinamento di scelte e accordi retaggio di un passato più o meno recente. È utile ridiscutere sul ruolo di Milano ed è necessario se si considera la palude economica in cui si trova il Paese da ormai tre lustri. Palude economica, ristagno degli investimenti, crescita zero. Decrescita infelice. … Continua »

dal palazzo

“LA DARSENA È UNA BOIATA PAZZESCA!”

La giunta di sinistra e la ridondanza dei simboli

Walter Marossi

Dagli atri muscosi e dai fori cadenti il volgo disperso del centro sinistra da mesi è impegnato in un passaparola. Prima tra pochi timorosi e impauriti spiriti liberi subito accusati di essere la quinta colonna poi allargandosi via via a designer e architetti, ristoratori e aperitivomani, truzzi e radical chic, giovani e anziani, attivisti e flaneur, riformisti e massimalisti, il sussurro sommesso è diventato un fantozziano grido liberatorio, un ondata senza fine, ascoltata financo alla festa dell'Unità al dibattito sul libro di Livolsi: “LA DARSENA È UNA BOIATA PAZZESCA!”. E non … Continua »

urbanistica 1

A PROPOSITO DI SCALI FERROVIARI

Il vero nodo sta nella Città Metropolitana e nella sua capacità di fornire visioni strategiche

Paolo Pomodoro

Premetto che non ho la presunzione di avere la ricetta per proporre soluzioni ottimali circa la trasformazione degli scali ferroviari dismessi ma solo alcune considerazioni e suggerimenti. Innanzitutto lo scenario di crisi economica (e non solo) mi porta a sostenere che le modalità e gli assetti procedurali attraverso cui si sono trasformate negli ultimi anni le aree del territorio milanese non garantiscono più non solo la qualità degli spazi e delle funzioni proposte ma anche in certi casi la sostenibilità economica delle operazioni stesse. Solamente quest’affermazione meriterebbe un intero capitolo … Continua »

città

VIA PADOVA E IL MUNICIPIO 2 DOPO IL VOTO DI GIUGNO

Per non tornare indietro, che fare?

Eleonora Poli

Nelle ultime settimane due pensieri si sovrappongono in chi da sempre lavora sul territorio, in quest’area della città: non è ponendo l’accento su ogni singolo episodio di degrado e violenza che le situazioni difficili possono migliorare; ma neppure nascondendo la testa sotto la sabbia. E se le fragilità irrisolte si accentuano nei periodi di crisi, critico è anche un passaggio di consegne come quello attuale. Il Municipio 2 sta vivendo in pieno, fin dal primo giorno, la contraddizione di una città amministrata dal centrosinistra e una zona dove ha vinto il … Continua »

urbanistica 2

SCALI FERROVIARI: IL MEGLIO È NEMICO DEL BENE

Non buttare via il lavoro fatto

Federico Oliva

Le rituali (e banali) fibrillazioni politiche da scadenza di legislatura hanno impedito l’approvazione dell’Accordo di Programma per la trasformazione degli scali ferroviari dismessi. Un Accordo sottoscritto nel novembre 2015 da Comune, Regione e Ferrovie dello Stato e giunto in Consiglio Comunale una storia lunga e articolata: promosso nel 2007, sottoscritto una prima volta nel 2009 (Sindaco Moratti), si interrompe nel 2010 e viene aggiornato nel novembre 2012 in coerenza con la nuova impostazione del PGT. Uno sviluppo urbanistico essenzialmente affidato a dotazioni utili per la città (servizi, verde, edilizia sociale), messo … Continua »

interrogativi milanesi

LA NUOVA SEDE DI APPLE IN PIAZZA DEL LIBERTY

Una “sorpresa urbana” o veramente si apre il dibattito?

Emilio Battisti

Alcune recenti notizie di stampa e l’articolo sul Corriere del 14 settembre, dal titolo La cascata di Apple arriva per Natale: il dibattito è aperto, danno per imminente la conclusione degli accordi che consentiranno l’avvio dei lavori della nuova sede milanese della Apple all’inizio del prossimo anno. Il progetto di realizzare un grande store a Milano fu avviato da Steve Jobs che, entusiasmatosi della Galleria in occasione di una sua visita, non riuscì però ad aggiudicarsi gli spazi dell’Ottagono, già occupati da McDonald’s, nei quali poi Prada aprì il proprio … Continua »

sotto il riflettore

GIOVANI, EMOZIONI, NUOVE TECNOLOGIE: I RISCHI

Cosa possono fare gli adulti

Mariarosaria Imbimbo

Sempre più frequenti sono le notizie di cronaca che vedono come protagonisti ragazzi vittime di cyberbullismo. Immediatamente parte la caccia ai colpevoli. Anche loro adolescenti. Chi sono questi ragazzi? Che ruolo assumono i social in queste tristi vicende? Ma soprattutto, che responsabilità hanno gli adulti? A queste notizie il mondo adulto risponde con irrigidimento e giudizio. Rigidità verso giovani superficiali e irresponsabili. Giudizio negativo per i social troppo veloci per i tempi degli adulti. Eppure non è demonizzando Internet e i social network né vietandone l’uso che si risolve la … Continua »

il nostro tempo

NON SOLO LIBRI: LE BIBLIOTECHE DI CONDOMINIO

Le politiche per un buon vicinato tra cultura e coesione sociale

Paola Bocci

Si dice che in principio l’idea abbia trovato spazio per realizzarsi a New York, la città che vive avanti alle altre, anche perché capace di sperimentare per prima nuove forme di coabitazione e di relazione sociale e culturale. Proprio a New York, in quartieri di benestanti, dopo la piscina, la palestra, la sauna e la lavanderia, si iniziò a introdurre in alcuni palazzi (il Book Club del Toren Condominium, Brooklyn), locali adibiti a biblioteca di condominio, scoprendone il valore aggiunto, il maggior prestigio per l’edificio e  il valore socializzante: molti … Continua »

Le foto, i video, i testi presenti su ArcipelagoMilano.org possono essere stati ricavati anche da Internet e, dopo opportune verifiche al fine di accertare il regime di libera circolazione e non violare il diritto d’autore o altri diritti esclusivi di terzi, sono valutati di pubblico dominio.. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo alla redazione scrivendo all’indirizzo e-mail redazione@arcipelagomilano.org che prontamente provvederà alla rimozione dei materiali utilizzati.
Licenza CC-BY-NC-ND
Eccetto dove diversamente indicato quest'opera è rilasciata con licenza Creative Commons - BY-NC-ND