Fai una donazione Invia a un amico

“IL SALTO TRIPLO” DELLA CITTÀ METROPOLITANA

Non possiamo passare il tempo a intristirci, meglio sperare che la plasticità sinaptica che sta alla base della nostra memoria prenda un po’ il largo e faccia galleggiare i ricordi. Sentendo e leggendo quel che i “politici” dicono sulla Città Metropolita mi risalgono ricordi anni’60, un libro e un film: Il libro è Zazie dans le métro di Raymond Queneau e il delizioso film che ne fu tratto da Louis Malle, con Catherine Demongeot (Zazie) e Philippe Noiret (Gabriel).

01editoriale27FBTra gli altri personaggi c’era un pappagallo – Verzure – che, incurante, apostrofava tutti i personaggi strillando: “Tu causes, tu causes c’est tout ce que tu sais faire” (chiacchieri, chiacchieri è tutto quello che sai fare). Non me ne vogliano gli amici politici ma questa è un po’ la mia impressione sentendoli parlare della Città Metropolitana. La legge Delrio è molto pasticciata e dunque il compito non è certo reso più agevole per chi in concreto deve dar corpo a questo nuovo livello amministrativo.

Su ogni altra considerazione ne prevale una: siamo di fronte a un’occasione irripetibile e che mai si è presentata per la nostra Repubblica: creare un nuovo livello amministrativo che, proprio perché nuovo, tenga conto da un lato dell’esperienza passata e dall’altro dei cambiamenti sociali e politici in forte accelerazione negli ultimi anni, senza trascurare l’avvento di nuove tecnologie informatiche sia sul versante dell’e-governement che sul versante della diffusione dell’informazione (internet, giornali online, Facebook, Twitter e social network in genere … ).

Possiamo dunque pensare a un livello amministrativo efficiente, efficace, condiviso e partecipato. Dunque eccoci ai tre salti.

-Si è detto che una delle ragioni fondamentali dell’abolizione delle Provincie fosse da ricercare nella spending rewiew. Che il nuovo assetto con l’arrivo delle città metropolitane ci porti lì, ho i miei dubbi e comunque, conoscendo perfettamente il costo delle Provincie, dedotti gli oneri legati direttamente o indirettamente agli organismi elettivi, il confronto non sarà difficile.

– Si è detto che la Città Metropolitana ci avrebbe consentito di risolvere molti dei problemi che affliggono soprattutto il capoluogo, problemi di natura infrastrutturale, urbanistica e ambientale. Qui, come ho già detto la settimana scorsa, il problema del Seveso – di cui parla Salvatore Crapanzano in questo stesso numero – ma anche del Lambro e perché no dei Navigli, saranno la prima cartina al tornasole. Anche altre questioni non sono da poco, dal verde al prezzo dei trasporti urbani. Ma se per la Provincia e i suoi costi un termine di paragone l’abbiamo a portata di mano, come per il Seveso o il Lambro, per le altre questioni il confronto non è facile.

– Si è detto che uno dei problemi del nostro tempo, sempre più acuto nel presente, è il distacco della gente, soprattutto i giovani, dalla politica. La ragione principale? La distanza tra eletti ed elettori. Milano sta facendo sforzi notevoli per raccorciarla, spesso più a parole che nei fatti, e qualche risultato lo si sta ottenendo. Per la città Metropolitana questo è un compito molto arduo e la mancata elezione diretta dei rappresentanti del popolo non va in questa direzione, eppure non è un problema insormontabile.

Se la definizione dei compiti che la Città Metropolita si dà nei confronti dei cittadini sarà chiara e precisa e soprattutto il “front office” verso il cittadino sarà accogliente, non elusivo ed esauriente (frutto di una struttura burocratica di nuova generazione e non il riciclo di quella provinciale), allora la terza prova la daranno le prime elezioni amministrative, non tanto e non solo nel risultato specifico per i singoli partiti ma con l’indice di affluenza alle urne. Gli scontenti e i disillusi sono quelli che oggi ingrossano le fila dell’astensione. Ma di quest’ultimo problema che forse avrei dovuto mettere in cima all’elenco, nessuno parla. Speriamo in bene.

 

Luca Beltrami Gadola

 

Se desiderate commentare i testi scrivete a redazione@arcipelagomilano.org

Le foto, i video, i testi presenti su ArcipelagoMilano.org possono essere stati ricavati anche da Internet e, dopo opportune verifiche al fine di accertare il regime di libera circolazione e non violare il diritto d’autore o altri diritti esclusivi di terzi, sono valutati di pubblico dominio.. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo alla redazione scrivendo all’indirizzo e-mail redazione@arcipelagomilano.org che prontamente provvederà alla rimozione dei materiali utilizzati.
Licenza CC-BY-NC-ND
Eccetto dove diversamente indicato quest'opera è rilasciata con licenza Creative Commons - BY-NC-ND